25 Ottobre 2021
visibility
News

Tutela INAL anche in caso di omesso vaccino COVID

18-03-2021 10:21 - Area Territoriale Firenze
L'Inail si è pronunciato in merito all'ammissibilità della tutela in caso di malattia e/o infortunio di personale infermieristico che non abbia aderito alla profilassi vaccinale, nel caso contagio Covid.

Nella nota Inail, viene esplicitamente chiarito che il rifiuto di vaccinarsi, configurandosi come esercizio della libertà di scelta del singolo individuo, rispetto a un trattamento sanitario non obbligatorio, ancorché fortemente raccomandato dalle autorità, non può costituire una ulteriore condizione a cui subordinare la tutela assicurativa dell’infortunato». «Sebbene il rifiuto di vaccinarsi non corrisponda al pressante invito formulato da tutte le autorità sanitarie per l'efficace contrasto della pandemia - continua la nota, "questo non preclude in alcun modo, in base alle regole consolidate, l'indennizzabilità dell'infortunio in caso di contagio in occasione di lavoro. Il rifiuto di sottoporsi al vaccino, espressione comunque della libertà di scelta del singolo individuo, non può comportare l’esclusione per l’infortunato dalla tutela Inail».
Infatti, la tutela assicurativa non può essere sottoposta a ulteriori condizioni oltre quelle previste dalla legge poiché ha la finalità di proteggere il lavoratore da ogni infortunio sul lavoro, anche da quelli derivanti da colpa, e di garantirgli i mezzi adeguati allo stato di bisogno conseguente alla malattia o all'infortunio.
D'altra parte, non si rileva allo stato dell'attuale legislazione in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, un obbligo specifico di aderire alla vaccinazione da parte del lavoratore; infatti il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 all’articolo 279 riguardante Prevenzione e controllo, stabilisce che “il datore di lavoro, su conforme parere del medico competente, adotta misure protettive particolari (…)” tra cui “a) la messa a disposizione di vaccini efficaci per quei lavoratori che non sono già immuni all'agente biologico presente nella lavorazione, da somministrare a cura del medico competente”, ma non prevede l'obbligo del lavoratore di vaccinarsi.
In materia di trattamenti sanitari opera, tra l'altro, la riserva assoluta di legge di cui all’articolo 32 della Costituzione, secondo cui Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana.
Per quanto sopra, il rifiuto di vaccinarsi, configurandosi come esercizio della liberta` di scelta del singolo individuo rispetto ad un trattamento sanitario, ancorché fortemente raccomandato dalle autorità, non può costituire una ulteriore condizione a cui subordinare la tutela assicurativa dell’infortunato.
Scrivi a firenze@nursind.it o contatta i delegati Nursind di zona che trovi nella sezione contatti








web design Studio Activa - info@studioactiva.it
close
Utilizziamo i cookies
Questo sito utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie.
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari